mercoledì 30 luglio 2014

Piccoli problemi di percorso...

Ebbene si, la mia mancanza forzata è stata causata ancora una volta da qualche piccolo (insignificante, proprio) incidente di percorso di cui già vi avevo anticipato un po' di giorni fa con un rapido telegramma.
Eh già, perchè dopo manco una settimana dal mio ormai abituale Vodka Party mi ha colpito una combo formata da blocco intestinale più discesa delle difese immunitarie sotto zero con conseguente febbrone da cavallo.
Fortunatamente, e dico fortunatamente, che mi trovavo ancora a Bologna per fare le radio (poi rimandate) per le macchie all'encefalo, così che sia stato ricoverato immediatamente al Sant'Orsola nel quale son guarito dal blocco + febbrone in appena (si fa per dire) 8 giorni...situazione identica a quella della broncopolmonite di fine anno scorso nella quale stetti 2 mesi in ospedale al Cardarelli e rischiai un polmone causa incapacità dei medici eh, ma sorvoliamo.
Dicevo, dopo 8 giorni di ricovero sabato mattina mi dimettono, ma mica per liberarmi eh, nono, perchè per lunedì al Bellaria erano già pronti ad iniziare le radio che erano state rimandate. 5 trattamenti in 5 giorni, da lunedì al venerdì e poi a seguire rivalutazione della situazione. E così ora sono qui, in un appartamentino in quel di Bologna a farmi i ciufoli miei mentre attendo gli ultimi due trattamenti di radioterapia. Tre sono andati, mancano gli ultimi. Debbo ammettere che comunque a parte un po' di mal di testa inizialmente è un po' di nausea qua è la di effetti eclatanti non ne sto avendo e questo già è un fattore importante. Mo stringiamo i denti, andiamoci a fare ste altre due radio e speriamo che stavolta il "buon" vecchio destino (a proposito, ma qualcuno poi l'ha visto?) me ne mandi una buona e mi faccia sparire queste macchie. Farovvi sapere.

Per quanto riguarda la dieta di cui vi parlavo la volta scorsa direi che è stata decisamente accantonata e a nulla sono valse le proteste di mia madre che davvero ci credeva molto, ma io davvero non ce la facevo più. Non me la sento di dire che la causa del blocco intestinale possa essere stata la dieta (anche se una dieta squilibrata potrebbe aver contribuito), fatto sta però che in 2 anni non avevo mai avuto problemi del genere e mai come stavolta il ciclo di chemio era pure stato più debole in vista delle radio. Comunque non è stato questo a farmi interrompere la dieta ma un fattore psicologico, tenete a mente queste mie parole: IO IL CIBO DEGLI UCCELLINI NON LO RIESCO A MAGNÀ.
Aggiungiamoci il colpo di grazia sferrato dal primario del reparto di chemio e da una dottoressa che più o meno con queste parole ci fa "Ma fategli mangiare quello che vuole, pure una pizza con salsicce se lo desidera". Questo per denotare che studi scientifici provati che rapportano alimentazione e malattia ancora non esistono. E la frittata è fatta.
Bye bye, dieta dell'uccellino!
Poi, io non sono mai stato un gran mangione, ma se mi togliete carne, pesce, latte e derivati, proteine animali varie, zuccheri in qualsiasi forma e pure buona parte delle verdure io vado al manicomio eh; giuro, potrà sembrare strano, ma la mia lucidità mentale stava calando drasticamente, il cibo ha pur sempre la sua importanza. Più i giorni passavano e più mi deprimevo, ho scoperto che l'alimentazione è davvero importante sotto questo punto di vista.
E niente questi erano i piccoli problemi di percorso che mi hanno tenuto per qualche tempo lontano dal blog, mail, ecc. e anzi, mi scuso da subito se ho trascurato qualcuno ma solo da poco ho ripreso (quasi) la vita normale.
Tuttavia, prendiamola sempre con filosofia e diciamo che quello appena passato era un punto particolarmente difficile della scalata a cui il destino mi ha costretto. Un punto che però ora pare superato, e quindi si va avanti, la cima prima o poi deve arrivare no?! Pure l'Everest ne ha una...



Alessio

6 commenti:

  1. Caro Alessio, bentornato!
    Mi spiace molto per quel che ti è successo, comr si suol dire "piove sul bagnato" (e in questo periodo di acqua se ne è vista tanta!)... il fatto che tu stia meglio resta comunque la cosa più importante (insieme al fatto che hai ripreso a mangiare normalmente..buon appetito! :D).

    E poi, un uccellino mi ha detto che ieri hai compiuto gli anni, quindi...tantissimi auguri! Che possano realizzarsi tutti i tuoi desideri, ma soprattutto, che la vetta arrivi, il prima possibile, e con essa torni il sole nella tua vita! E mangiatela, per festeggiare, una pizza con le salsicce ;)
    Ti abbraccio
    Daniela

    RispondiElimina
  2. Eh si, anche l'Everest ha una cima, mi dicono...dai che ci sei quasi!!! Se guardi bene secondo me riesci pure a vederla sta vetta!!!
    PiccolaVale

    RispondiElimina
  3. Ciao Alessio..cavoli ho appena finito di leggere tutto..e da oggi anche io ti seguirò nella tua scalata! La mia è cominciata da poco..al femore destro! Tra meno di un mese anche io sarò come Robocop..ansietta..
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  4. Facciamo una cordata per te e vedrai che insieme scaleremo anche l'Everest!
    Vedrai!
    Un abbraccio grande e bentornato!

    RispondiElimina
  5. si è vero l'everest ha una cima e prima o poi ci si arriverà.... io ho finito la radio oggi...
    Annamaria

    RispondiElimina
  6. Alessio che dici? Noi qui si aspetta con ansia un tuo post! Un abbraccio.

    RispondiElimina